Biblioteca Civica Bertoliana di Vicenza

Città di Vicenza

 

Erbari

La conoscenza delle piante e delle loro proprietà è antica: i primi erbari risalgono ai tempi più remoti e sfociarono nelle osservazioni di Aristotele, Teofrasto e Dioscoride. Si trattava però non di studi organici, ma di osservazioni condotte con l'intendimento pratico della loro utilizzazione terapeutica. Quasi tutti gli erbari antichi, fino al XVIII secolo, furono compilati da medici-naturalisti per i quali la botanica era una scienza ausiliaria della medicina e della farmacopea. Nel medioevo l'illustrazione perse la sua funzione naturalistica per assumere un significato allegorico o decorativo. Con l'introduzione della stampa e l'uso della xilografia, invece, le immagini proposte ebbero nuovamente una funzione esplicativa del testo.

 
Elisabeth Blackwell, A curious herbal, Londra, J. Nourse, 1737  Elisabeth Blackwell, A curious herbal, Londra, J. Nourse, 1737
   
 Elisabeth Blackwell, A curious herbal, Londra, J. Nourse, 1737  Elisabeth Blackwell, A curious herbal, Londra, J. Nourse, 1737
   
 Erbario, ms. cartaceo, prima metà sec. XV  Erbario, ms. cartaceo, sec. XV
   
 Erbario, ms. cartaceo, sec. XV  Delineature de' fiori delli giardini de Villa Franca dell'Ill.mo sig. Andrea Vendramin, ms. cartaceo, 1627